07. 05. 2021 Ultimo Aggiornamento 04. 05. 2021

La riscossa dell’acciaio europeo rischia di avere vita breve

La tenue ripresa europea sembra giovi al mercato continentale dell’acciaio, almeno secondo le ultime rilevazioni diffuse di recente da Eurofer, l’associazione dei produttori europei che proprio questa settimana ha indetto l’European steel day, l’edizione 2017 dell’appuntamento che i produttori dedicano a illustrare le sfide che attendono il settore.

Leggi Tutto

Il Miur tace, ma su cattedre Natta e chiamate dirette si accende il dibattito

Delle “cattedre Natta” (come anche di chiamate dirette et similia) su questo giornale ci siamo occupati più volte, sin da quando hanno fatto capolino all’orizzonte dell’ordinamento universitario e ogniqualvolta sull’argomento si profilava qualche novità di sorta. Da ultimo, la scorsa settimana, abbiamo riportato le infuocate dichiarazioni del presidente dell’Infn, Fernando Ferroni, che ne ha parlato quasi come di un’araba fenice, di cui si suole ripetere “che ci sia ognun lo dice, dove sia nessun lo sa”.

Leggi Tutto

Rientro cervelli e cattedre Natta: per il presidente dell’Infn, “una storia indegna del nostro Paese”

Giovedì scorso, 11 maggio, su Scuola24, supplemento on line del Sole 24-Ore, è apparso un articolo, a firma di Fernando Ferroni, presidente dell’Istituto nazionale di fisica nucleare (Infn) che, attesa l’autorevolezza dell’autore e la materia che tratta (della quale più volte Il Foglietto si è occupato 1-2-3-4-5-6-7 e 8) abbiamo deciso di sottoporre, di seguito, integralmente, all’attenzione dei lettori.

Leggi Tutto

La profonda metamorfosi del mercato petrolifero

Ogni giorno, quando facciamo il pieno all’auto attingiamo a un pozzo che sembra senza fondo – ma così non è – delle risorse petrolifere mondiali. Dietro questo gesto così semplice e familiare si agita un mondo estremamente complesso che da numerosi decenni scrive inosservato i capitoli più rilevanti della nostra storia economica.

Leggi Tutto

L’Europa e le nuove vie della seta

L’incontro di qualche settimana fra il presidente Trump e il suo collega cinese Xi è stato molto più che un passaggio obbligato fra i rappresentati delle due economie nazionali più grandi al mondo – l’Ue è un’altra cosa – chiamate a trovare una qualche forma di intesa, a cominciare dai loro flussi di commercio. Si tratta nientemeno che del primo confronto fra due visioni del mondo.

Leggi Tutto

C'era una volta il denaro a basso costo

Benvenuta e insieme temuta, la normalizzazione monetaria iniziata negli Stati Uniti è destinata ad estendersi in tutto il mondo una volta che l’Europa confermerà l’andamento della ripresa in corso e inizierà a guardare con occhi diversi inflazione e tassi di interessi. Entro la fine dell’anno potremmo trovarci con altri due rialzi dei tassi Usa, e la fine dell’acquisto di asset da parte della Banca Centrale Europea, già ridotti da 80 a 60 miliardi al mese, con scadenza a dicembre 2017, mossa che evoca un rialzo dei tassi che anche di recente Francoforte ha ripetuto di non avere in programma nel breve termine, ma che comunque a un certo punto diverrà ineludibile. Specie se l’inflazione tornerà a puntare verso il 2%, come ha fatto in questo inizio d’anno prima di raffreddarsi insieme alle quotazioni petrolifere.

Leggi Tutto

Sei arrivato fin qui...continua a leggere

Ti piace quello che leggi?

Se ci leggi e ti piace quello che leggi, puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro sostenedoci con quanto pensi valga l'informazione che hai ricevuto: anche il costo di un caffè! 

 

I cookie ci aiutano a fornirti i nostri servizi. Utilizzando i nostri servizi, accetti le nostre modalità d'uso dei cookie. Per saperne di più