16. 10. 2021 Ultimo Aggiornamento 15. 10. 2021

Legittimo criticare il superiore gerarchico ma con garbo e nel rispetto della verità oggettiva

Categoria: Sentenze

Ermellini cassazioneCon sentenza n. 21649, pubblicata il 26 ottobre 2016, la Corte di Cassazione ha confermato l’illegittimità del licenziamento di un lavoratore dipendente che aveva mosso critiche al suo superiore gerarchico.

In primo grado, invece, il Tribunale aveva dato ragione al datore di lavoro, respingendo il ricorso del dipendente che aveva dovuto ricorrere in appello, dove erano state accolte le sue ragioni.

Da lì, il ricorso in Cassazione del datore di lavoro.

Nel confermare la decisione assunta dalla Corte di Appello, gli Ermellini hanno sottolineato che “per insegnamento consolidato della Suprema Corte, è noto che, in tema di esercizio del diritto di critica da parte del lavoratore nei confronti del datore di lavoro, sia necessario che il prestatore (anche nel caso in cui il suo comportamento si traduca in una denuncia in sede penale, la cui legittimazione si fonda sugli articoli 24, primo comma e 21, primo comma, della Costituzione) si sia limitato a difendere la propria posizione soggettiva, senza travalicare, con dolo o colpa grave, la soglia del rispetto della verità oggettiva con modalità e termini tali da non ledere gratuitamente il decoro del datore di lavoro o del proprio superiore gerarchico e determinare un pregiudizio per l'impresa”.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Sei arrivato fin qui...continua a leggere

Ti piace quello che leggi?

Se ci leggi e ti piace quello che leggi, puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro sostenedoci con quanto pensi valga l'informazione che hai ricevuto: anche il costo di un caffè! 

 

I cookie ci aiutano a fornirti i nostri servizi. Utilizzando i nostri servizi, accetti le nostre modalità d'uso dei cookie. Per saperne di più