17. 10. 2021 Ultimo Aggiornamento 15. 10. 2021

A occultare le pratiche si fatica di meno ma si viene licenziati

Categoria: Sentenze

A occultare le pratiche si fatica di meno ma si viene licenziati. Questa la morale che si ricava dalla vicenda di un lavoratore che in un armadio aveva nascosto di tutto: pratiche di riscatti e di ricongiungimenti, fogli matricolari e di congedo illimitato, tessere assicurative con marche riutilizzabili, ricorsi risalenti al secolo scorso (solo di questi ultimi, almeno una sessantina).

Per difendersi, l’”Imboscatore”, se così possiamo chiamarlo, si è difeso con le unghie e coi denti in tutti i gradi di giudizio, ma i suoi ricorsi sono stati sempre respinti: dal Tribunale, dalla Corte d’Appello e, infine, dalla Corte di Cassazione che, con sentenza n. 515 del 2 marzo 2017, ha confermato la legittimità del licenziamento intimato dall’Inps e dei provvedimenti restitutori, economici e reali, stante che “la condotta contestata era grave e la sanzione risolutiva proporzionata, avuto riguardo agli atti occultati e alla rilevanza anche sul piano economico delle pratiche non trattate”.

Tutti i motivi di ricorso sono stati così rigettati o dichiarati inammissibili dalla Suprema Corte, la quale, in particolare, ha riconosciuto: l’inutilità di porre questioni sull’iter disciplinare, poiché l’interessato era stato comunque messo al corrente di tutti gli addebiti contestatigli; che il ricorso non indicava il parametro di legge o di contratto violato dal datore di lavoro con l’accesso al contenuto dell’armadio in dotazione; che tutti gli altri motivi di ricorso miravano a una non consentita rivalutazione del merito, mentre le prospettazioni esposte nelle note di replica muovevano da “critiche eccentriche” rispetto al perimetro del vizio ex art.360 del codice di procedura civile.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Sei arrivato fin qui...continua a leggere

Ti piace quello che leggi?

Se ci leggi e ti piace quello che leggi, puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro sostenedoci con quanto pensi valga l'informazione che hai ricevuto: anche il costo di un caffè! 

 

I cookie ci aiutano a fornirti i nostri servizi. Utilizzando i nostri servizi, accetti le nostre modalità d'uso dei cookie. Per saperne di più