Giornale on-line fondato nel 2004

Sabato, 13 Lug 2024

di Rocco Tritto

Come se non bastasse la politica governativa, che da sempre - con stanziamenti irrisori - considera la Ricerca la cenerentola della pubblica amministrazione, ci sono altre politiche che debilitano ancor più quello che dovrebbe essere un settore d’eccellenza per ogni comunità.

La storia raccontata questa settimana da Paolo Vita nel “Fatto centrale” dovrebbe stimolare e far riflettere tutti coloro che si battono per la difesa della Ricerca pubblica.

La Fondazione Monasterio, creatura di diritto privato, messa al mondo da uno scellerato patto tra Cnr e Regione Toscana, ha praticamente cancellato l’attività di ricerca che fino alla fine del 2007 l’Istituto di Fisiologia Clinica di Pisa svolgeva con notevole successo.

Circa cinquanta dipendenti, nella gran parte scienziati, da tre anni si dedicano ad attività medico-diagnostiche, che però nessun vantaggio portano alla  Ricerca.

A trarne vantaggio è solo la Fondazione che, a fronte delle prestazioni rese da detto personale, incassa rimborsi dalla Regione Toscana.

C’è da chiedersi perché codesti dipendenti vengano retribuiti dal Cnr e non dalla Fondazione, che dalle loro prestazioni ne trae vantaggio.

Come pure c’è da chiedersi in base a quale norma di legge tale operazione - che si protrae da tre anni - sia possibile. Infine, c’è anche da chiedersi chi formalmente ha autorizzato i medesimi lavoratori a timbrare tutte le mattine il cartellino presso il Cnr e a recarsi presso le strutture della Fondazione per effettuare prestazioni sanitarie per le quali la medesima Fondazione, e non il Cnr, ottiene rimborsi dalla Regione Toscana.

Domande alle quali qualcuno, forse, dovrebbe dare qualche risposta.

empty alt

Anci: a rischio a settembre ripresa attività dei servizi educativi per l'infanzia

Anci (Associazione nazionale comuni italiani) esprime preoccupazione per le continue segnalazioni...
empty alt

Prezzi internazionali raffreddati dalla deflazione cinese

Sempre perché la globalizzazione è assai più complessa di come la si immagina, vale la pena...
empty alt

“Gli indesiderabili”, film che emoziona e non si fa dimenticare in fretta

Gli indesiderabili, regia di Ladj Ly, con Anta Dia (Haby Keita), Alexis Maneti (Pierre),...
empty alt

Il peso specifico del settore auto nell’economia europea

L’ultimo bollettino della Bce contiene una interessante analisi che ci consente di farci un’idea...
empty alt

Roberto Tomei, insigne giurista, firma storica del Foglietto, non è più tra noi

Abbiamo appreso oggi con immenso dolore che l’insigne giurista Roberto Tomei, lo scorso 19 giugno, è...
empty alt

Consegue la laurea, Uniba gliela toglie, il Tar gliela restituisce

Con sentenza n. 817/2024, pubblicata il 4 luglio scorso, il Tar per la Puglia (Sezione seconda),...

Ti piace l'informazione del Foglietto?

Se ti piace quello che leggi, puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro sostenendoci con quanto pensi valga l'informazione che hai ricevuto. Anche il costo di un caffè!

SOSTIENICI
Back To Top