Giornale on-line fondato nel 2004

Mercoledì, 17 Lug 2024

Redazione

Il diritto alla privacy deve essere riconosciuto, in carcere, anche ai “padrini” di Cosa Nostra.

Dunque, anche un noto boss mafioso detenuto nel carcere milanese di Opera non può essere videosorvegliato mentre, nella sua cella, è alla toilette.

Lo ha confermato la Corte di Cassazione - con una sentenza emessa il 26 aprile 2011 della quinta sezione penale - respingendo il ricorso del pubblico ministero del Tribunale di Milano, che sosteneva la necessità, per motivi di sicurezza, di mantenere costante il regime di videoripresa, compreso il momento delle esigenze fisiologiche del detenuto.

Con questa decisione, la Suprema Corte conferma, ancora una volta, il diritto a mantenere preservata «l’intimità e la riservatezza» di chi è già sottoposto al regime del “41 bis”, che rappresenta un complesso di misure, meglio note come “carcere duro”, introdotte nel 1986, con successive modifiche, nella legge sull’ordinamento penitenziario.

empty alt

Presidenza Cdc: “Legge Nordio lede i principi dello Stato di diritto”

Continuano le prese di posizione contro il disegno di legge proposto dal Guardasigilli, Carlo...
empty alt

Gonnella (Antigone): “Il ddl sicurezza stravolge il sistema penitenziario”

“Nei prossimi giorni potrebbe arrivare in aula, alla Camera dei Deputati, il ddl sicurezza, una...
empty alt

Stagione Lirica di Padova al via con la Nona Sinfonia di Beethoven

«Abbracciatevi, moltitudini! Questo bacio vada al mondo intero!». Un messaggio universale di...
empty alt

“Madame Luna”, film svedese che mostra ciò che la civile Italia finge di non conoscere

Madame Luna, regia di Daniel Espinosa, con con Meninet Abraha (Madame Luna), Hilyam...
empty alt

Creatività scientifica femminile. “I geni che saltano” di Barbara McClintock

Fino alla fine degli anni Quaranta, si pensava che il genoma, il patrimonio genetico di un...
empty alt

Atella, suggestivo borgo lucano alle falde del Monte Vulture

Mia sorella, dico a Domenico Saraceno mentre visitiamo Atella, paese lucano di 3500 abitanti ad...

Ti piace l'informazione del Foglietto?

Se ti piace quello che leggi, puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro sostenendoci con quanto pensi valga l'informazione che hai ricevuto. Anche il costo di un caffè!

SOSTIENICI
Back To Top