Giornale on-line fondato nel 2004

Sabato, 13 Lug 2024

di Adriana Spera

Nonostante l'ostruzionismo del governo e dei mezzi di informazione, dopo 16 anni si è raggiunto il quorum per i referendum abrogativi.

Un risultato che denota non solo il divorzio tra il paese e la maggioranza che lo governa ma, anche, tra gli italiani e la cultura berlusconiana, tra chi stenta ad arrivare a fine mese ed i poteri forti del paese; tra chi fatica a pagare le tariffe dei servizi pubblici e chi dà l'assalto ai beni comuni acquisiti con il sudore di tutti gli italiani.

Una contrapposizione quest'ultima che deve far riflettere anche il centro-sinistra sulle politiche sbagliate condotte negli ultimi venti anni.

Un ventennio in cui si sono svenduti i gioielli di famiglia degli italiani e si è introdotta una deregulation sulle aziende erogatrici di servizi, che rischia di portare alla bancarotta delle stesse. Con aziende divenute di diritto privato pur essendo a prevalente o totale capitale pubblico abbiamo assistito a numerosi scandali (da ultimo, alla parentopoli romana), disservizi, incidenti sul lavoro, ed altro, di cui tutti i cittadini pagheranno il conto con i rincari tariffari.

Sono stati anni in cui non si è voluto tener conto della volontà popolare già espressa attraverso una consultazione referendaria precedente, come nel caso del nucleare, ma si è voluto tornare a rimetterlo in cantiere. Con il voto referendario i cittadini hanno chiesto con forza di essere nuovamente protagonisti delle scelte che riguardano il bene comune e la qualità della loro vita.

Ma hanno anche ribadito con fermezza che tutti devono essere uguali dinanzi alla legge, che tutti devono avere pari opportunità, senza corsie preferenziali e/o parentali.

Hanno chiesto infine che la pubblica amministrazione sia una casa di vetro, governata con competenza e bene, perché è un patrimonio collettivo.

empty alt

Anci: a rischio a settembre ripresa attività dei servizi educativi per l'infanzia

Anci (Associazione nazionale comuni italiani) esprime preoccupazione per le continue segnalazioni...
empty alt

Prezzi internazionali raffreddati dalla deflazione cinese

Sempre perché la globalizzazione è assai più complessa di come la si immagina, vale la pena...
empty alt

“Gli indesiderabili”, film che emoziona e non si fa dimenticare in fretta

Gli indesiderabili, regia di Ladj Ly, con Anta Dia (Haby Keita), Alexis Maneti (Pierre),...
empty alt

Il peso specifico del settore auto nell’economia europea

L’ultimo bollettino della Bce contiene una interessante analisi che ci consente di farci un’idea...
empty alt

Roberto Tomei, insigne giurista, firma storica del Foglietto, non è più tra noi

Abbiamo appreso oggi con immenso dolore che l’insigne giurista Roberto Tomei, lo scorso 19 giugno, è...
empty alt

Consegue la laurea, Uniba gliela toglie, il Tar gliela restituisce

Con sentenza n. 817/2024, pubblicata il 4 luglio scorso, il Tar per la Puglia (Sezione seconda),...

Ti piace l'informazione del Foglietto?

Se ti piace quello che leggi, puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro sostenendoci con quanto pensi valga l'informazione che hai ricevuto. Anche il costo di un caffè!

SOSTIENICI
Back To Top