Giornale on-line fondato nel 2004

Domenica, 14 Apr 2024

Le crisi ecologica e climatica ci chiamano a cambiare paradigmi. E a dare senso alle parole.

Il grande biodigestore anaerobico che vogliono realizzare a Città Sant'Angelo (Pescara) è chiamato dai suoi propugnatori "ecovalorizzatore". Dal momento che la tecnologia anaerobica si basa sostanzialmente sul fenomeno della putrefazione delle sostanze organiche con produzione di biogas (tra cui ammoniaca tossica e dall'odore pungente e acido solfidrico puzzolente di uova marce, mercaptani), sono autorizzato a chiamarlo PUTREFATTORE.

Vogliono realizzarlo in un terreno fertile, in località Piano di Sacco, contiguo a produzioni agricole di elevata qualità, di pregio riconosciuto e persino biologiche.

Sto pensando che il paradigma che guida la costruzione di opere è misurare il suolo in metri quadri. Ma il suolo vivo e fertile ha come dimensione anche la profondità! Occorrono 2000 anni perché si formino 10 cm di suolo e, una volta impermeabilizzato e coperto col cemento o con l'asfalto, è perso PER SEMPRE! Irreversibilmente.

Se consideriamo "cosa c'è sotto" la superficie di un ettaro di suolo fertile indisturbato vedremmo mediamente: 1000 kg di lombrichi (che lo arano e fertilizzano), 2700 kg di funghi (ife), 1700 kg di batteri (un grammo di suolo ne contiene circa un miliardo di cui conosciamo dal 3 al 5% delle specie), 1000 kg di insetti, più alghe, licheni, rettili (lucertole), orbettini, talpe, arvicole. (Fonte: L'intelligenza del suolo, di Paolo Pileri – Altreconomia, 2022).

NUOVO PARADIGMA ECOLOGICO: IL SUOLO SI MISURA A SCALA TRIDIMENSIONALE. La profondità conta. In rapporto col soprassuolo E' UN ECOSISTEMA FRAGILE, NON RINNOVABILE. In Italia, consumiamo irreversibilmente 2 metri quadri di suolo ogni secondo! (Fonte: ISPRA, Rapporto 2022).

Basta consumo di suolo: ogni opera, se PROPRIO necessaria, va realizzata sul già costruito e abbandonato, ex capannoni industriali et similia. Anche queste sono le ragioni del NO a Piano di Sacco.

Se cessano le importazioni di grano e di altri alimenti che oggi acquistiamo da mezzo mondo, mangeremo putrefattori chiamati ecologici? L'alternativa c'è: il compostaggio aerobico noto e sperimentato in 7 millenni di agricoltura che ci hanno portato al benessere attuale.

Giovanni Damiani
Vice Presidente Nazionale di Italia Nostra
Già Direttore di Anpa e Direttore tecnico di Arta Abruzzo
facebook.com/giovanni.damiani.980
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

empty alt

Festa della Resistenza a Roma, dal 23 al 25 aprile

Dal 23 al 25 aprile, a Roma sarà ancora Festa della Resistenza. Per il secondo anno consecutivo, nella...
empty alt

Mercato immobiliare sotto stress a causa del caro mutui

Nulla di strano che uno dei capitoli dell’ultimo Outlook dedicato all’economia internazionale il Fondo...
empty alt

“Basta favori ai mercanti d’armi!”, una petizione popolare da sottoscrivere

Il 21 febbraio scorso, il Senato della Repubblica ha approvato un disegno di legge per cancellare...
empty alt

Isabella Lugosky-Karle e il Nobel negato

Il 3 ottobre del 2017, all’età di 95 anni è deceduta Isabella Lugosky-Karle, ricercatrice che...
empty alt

Nuovo censimento delle piante in Italia, in più 46 specie autoctone e 185 aliene

Secondo il nuovo censimento delle piante in Italia, che ha aggiornato i dati del 2018, sono 46 in...
empty alt

Le contraddizioni della storia e della politica

Gli anni '60 noi li ricordiamo giustamente come anni di grandi cambiamenti e di libertà; per tante...

Ti piace l'informazione del Foglietto?

Se ti piace quello che leggi, puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro sostenendoci con quanto pensi valga l'informazione che hai ricevuto. Anche il costo di un caffè!

SOSTIENICI
Back To Top