Giornale on-line fondato nel 2004

Mercoledì, 17 Lug 2024

Tra la fine dell’800 e i primi del ‘900, una vera rivoluzione travolse il vecchio e il nuovo mondo. Le donne iniziarono a viaggiare sole, sfidando le convenzioni dell’epoca. Annotavano, fotografavano, disegnavano e raccontavano la loro versione della realtà.

Kate Marsden (1859-1931), nata a Londra, era la minore di otto figli dell'avvocato J.D. Marsden e di Sophie Matilda Wellsted. Divenuta orfana a 14 anni, studiò come infermiera in un ospedale religioso di Tottenham. Dedicò quindi la sua vita ai lebbrosi, prima in Bulgaria e poi in Siberia.

Viaggiò, col supporto sia della Regina Vittoria sia della Zarina Maria Fedorovna, per 18.000 Km a bordo di treni, cavalli, barche e infine una slitta trainata da cani, da Mosca fino nella tundra siberiana, dove restò per 11 mesi senza trovare purtroppo l’erba curativa che stava cercando.

Riportò tuttavia informazioni talmente utili sul territorio e sulle popolazioni locali che venne ammessa alla Royal Geographic Society.

Impressionanti i racconti che scrisse sulle condizioni degli emarginati in quella regione abbandonata da tutti e le comunità siberiane le furono talmente grate che ancora oggi la ricordano con affetto, tanto da averle eretto una statua nel villaggio di Sosnovka nel 2014 (foto in alto).

La sua presunta omosessualità le creò diversi problemi: i suoi accusatori tentarono di farla incarcerare, come accadde a Oscar Wilde in quegli stessi anni.

Gli ultimi anni li trascorre in Inghilterra. Le condizioni di salute sono ormai seriamente minate, specialmente dopo l’ictus che la colpisce nel 1924. Muore a Londra nel 1931 e viene sepolta a Hillingdon.

Nel Regno Unito viene presto dimenticata e la sua tomba si ricopre di rovi. Il remoto villaggio di Sosnovka nella repubblica di Sacha invece la ricorda ancora come la coraggiosa eroina giunta da lontano per salvare i malati di lebbra.

Per approfondire: "Scienziate nel tempo. Più di 100 biografie”, Ledizioni 2023.

Sara Sesti
Matematica, ricercatrice in storia della scienza
Collabora con l'Università delle donne di Milano
facebook.com/scienziateneltempo/

 

 

empty alt

Presidenza Cdc: “Legge Nordio lede i principi dello Stato di diritto”

Continuano le prese di posizione contro il disegno di legge proposto dal Guardasigilli, Carlo...
empty alt

Gonnella (Antigone): “Il ddl sicurezza stravolge il sistema penitenziario”

“Nei prossimi giorni potrebbe arrivare in aula, alla Camera dei Deputati, il ddl sicurezza, una...
empty alt

Stagione Lirica di Padova al via con la Nona Sinfonia di Beethoven

«Abbracciatevi, moltitudini! Questo bacio vada al mondo intero!». Un messaggio universale di...
empty alt

“Madame Luna”, film svedese che mostra ciò che la civile Italia finge di non conoscere

Madame Luna, regia di Daniel Espinosa, con con Meninet Abraha (Madame Luna), Hilyam...
empty alt

Creatività scientifica femminile. “I geni che saltano” di Barbara McClintock

Fino alla fine degli anni Quaranta, si pensava che il genoma, il patrimonio genetico di un...
empty alt

Atella, suggestivo borgo lucano alle falde del Monte Vulture

Mia sorella, dico a Domenico Saraceno mentre visitiamo Atella, paese lucano di 3500 abitanti ad...

Ti piace l'informazione del Foglietto?

Se ti piace quello che leggi, puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro sostenendoci con quanto pensi valga l'informazione che hai ricevuto. Anche il costo di un caffè!

SOSTIENICI
Back To Top