Giornale on-line fondato nel 2004

Domenica, 14 Apr 2024

Elezioni 28 4 1963 jpeg ID 6901E' bastata la notizia di ieri che la Commissione europea vede la crescita del Pil italiano nel 2023 al 1,2%, sopra le stime del governo che la fissavano al 1%, per mandare in brodo di giuggiole non solo la destra al governo ma i nostri liberisti, centristi, moderati ecc. di ogni gradazione e sfumatura politico-ideologica.

Naturalmente, la Commissione dice pure che l'inflazione che si sta mangiando salari e stipendi mostra una certa persistente resilienza. Ma questo per lorsignori è del tutto secondario.

La cosa mi ha fatto sovvenire un discorso di Palmiro Togliatti a "Tribuna elettorale" alla vigilia del voto politico del 28 aprile 1963. L'epoca era completamente diversa, alle spalle c'era l'aumento esponenziale del Pil, la motorizzazione di massa, l'aumento dei consumi, i frigoriferi, i televisori, le lavatrici erano entrate nelle famiglie; insomma l'Italia aveva fatto il "boom" economico con una trasformazione profonda passando da società agricola-industriale a industriale-agricola. Oggi alle spalle non abbiamo questa affluenza, semmai precariato, bassi salari e stipendi.

Eppure il Pci andò avanti elettoralmente conquistando in quelle elezioni un milione di voti in più, pari a una media del 3% fra Camera e Senato. Per quell'epoca e per quel sistema politico basato sulla "conventio ad excludendum" verso il Pci, era un vero e proprio exploit. Ottenuto, tra l'altro, all'indomani dell'apertura a sinistra della Dc verso il Psi, con l'inaugurazione della stagione del centro-sinistra che aveva aperto molte speranze riformatrici.

Ebbene, nel suo appello elettorale durato 10 minuti, Togliatti trovò quel magistrale riferimento alle api di Virgilio, Voi fate il miele, oh api, ma sono altri che lo godono..., per dire come stavano le cose dal punto di vista dei lavoratori. Allora anche la cultura era intrinseca alla politica di sinistra e non era certo di ostacolo all'interpretare i sentimenti, le lotte e le speranze dei lavoratori. E i ceti popolari la capivano benissimo.

Fa un po' sorridere la narrazione pigra e imbrogliona degli ultimi trent'anni che per arrivare allo spettacolo abbastanza deprimente degli attuali partiti continua a mettere sotto accusa i partiti ideologici di ieri. Ma quei "partiti ideologici" erano molto più vicini ai sentimenti della gente, ai suoi bisogni, alle sue aspirazioni che non i carrozzoni infestati di trasformismo di quelli che sono venuti dopo e che ancora occupano, ahimè, la scena politica.

aldo pirrone 130x130Aldo Pirone
scrittore e editorialista
facebook.com/aldo.pirone.7

empty alt

Festa della Resistenza a Roma, dal 23 al 25 aprile

Dal 23 al 25 aprile, a Roma sarà ancora Festa della Resistenza. Per il secondo anno consecutivo, nella...
empty alt

Mercato immobiliare sotto stress a causa del caro mutui

Nulla di strano che uno dei capitoli dell’ultimo Outlook dedicato all’economia internazionale il Fondo...
empty alt

“Basta favori ai mercanti d’armi!”, una petizione popolare da sottoscrivere

Il 21 febbraio scorso, il Senato della Repubblica ha approvato un disegno di legge per cancellare...
empty alt

Isabella Lugosky-Karle e il Nobel negato

Il 3 ottobre del 2017, all’età di 95 anni è deceduta Isabella Lugosky-Karle, ricercatrice che...
empty alt

Nuovo censimento delle piante in Italia, in più 46 specie autoctone e 185 aliene

Secondo il nuovo censimento delle piante in Italia, che ha aggiornato i dati del 2018, sono 46 in...
empty alt

Le contraddizioni della storia e della politica

Gli anni '60 noi li ricordiamo giustamente come anni di grandi cambiamenti e di libertà; per tante...

Ti piace l'informazione del Foglietto?

Se ti piace quello che leggi, puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro sostenendoci con quanto pensi valga l'informazione che hai ricevuto. Anche il costo di un caffè!

SOSTIENICI
Back To Top