Giornale on-line fondato nel 2004

Domenica, 14 Apr 2024

Elly Schlein Giuseppe Conte ID 6918La costatazione è amara ma oggettiva e riguarda non solo l'Italia ma l'Europa, visti i risultati ultimi delle politiche in Grecia e delle amministrative in Spagna.

Italia. Come sarebbe serio fare, i risultati dei ballottaggi andrebbero visti caso per caso e rapportati alle situazioni locali. Tuttavia, due dati generali risultano evidenti e persistenti: l'astensione continua a crescere e la destra post fascista al governo continua ad estendere la sua ombra nera. Le due cose sono connesse.

Un'inversione di tendenza appare sempre più legata alla capacità della sinistra e del fronte progressista di riportare alle urne quei milioni di elettori disillusi e sfiduciati, soprattutto presenti nei ceti popolari e fra i lavoratori che giacciono inerti, sebbene rancorosi, e allergici alle urne.

Su questo il dibattito e la lotta politica sono apertissimi e riguardano tutti i soggetti attualmente facenti parte del cosiddetto, quanto ancora evanescente, campo progressista.

È mia opinione che l'esigenza principale da affrontare sia fatta essenzialmente di due cose anche qui interconnesse tra loro: sapersi collegare, con proposte concrete e fattibili, alle preoccupazioni dominanti (inflazione) per correlarle ai temi più generali - sanità, scuola, trasporti, casa, transizione ecologica e ambiente, pace ecc. - e ancorare a questo un processo di unità della coalizione progressista.

E qui ancora non ci siamo proprio. Elly Schlein ne deve fare di strada per corrispondere alle speranze suscitate; e Conte deve altresì rinunciare alla tentazione di guardare al proprio "particulare" senza farsi carico dell'esigenza unitaria. La tattica, suggerita da Travaglio, dell'andare divisi per colpire uniti, nel caso italiano è quantomai deleteria.

Probabilmente, i soliti noti, dentro e fuori il Pd, cercheranno di approfittare di questo risultato elettorale negativo per rialzare la testa e riportare stabilmente il partito all'antico ovile centrista, buonista e lingottista in cui nacque, ma fu proprio quello stazzo, in particolare, a produrre i guasti di abbandono e sfiducia fra i lavoratori e i ceti popolari, che hanno alimentato in qualche modo, e in un onda lunga, perfino la destra post fascista.

Il problema della sinistra e dei progressisti è come andare avanti e non certo quello di tornare indietro.

aldo pirrone 130x130Aldo Pirone
scrittore e editorialista
facebook.com/aldo.pirone.7

 

empty alt

Festa della Resistenza a Roma, dal 23 al 25 aprile

Dal 23 al 25 aprile, a Roma sarà ancora Festa della Resistenza. Per il secondo anno consecutivo, nella...
empty alt

Mercato immobiliare sotto stress a causa del caro mutui

Nulla di strano che uno dei capitoli dell’ultimo Outlook dedicato all’economia internazionale il Fondo...
empty alt

“Basta favori ai mercanti d’armi!”, una petizione popolare da sottoscrivere

Il 21 febbraio scorso, il Senato della Repubblica ha approvato un disegno di legge per cancellare...
empty alt

Isabella Lugosky-Karle e il Nobel negato

Il 3 ottobre del 2017, all’età di 95 anni è deceduta Isabella Lugosky-Karle, ricercatrice che...
empty alt

Nuovo censimento delle piante in Italia, in più 46 specie autoctone e 185 aliene

Secondo il nuovo censimento delle piante in Italia, che ha aggiornato i dati del 2018, sono 46 in...
empty alt

Le contraddizioni della storia e della politica

Gli anni '60 noi li ricordiamo giustamente come anni di grandi cambiamenti e di libertà; per tante...

Ti piace l'informazione del Foglietto?

Se ti piace quello che leggi, puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro sostenendoci con quanto pensi valga l'informazione che hai ricevuto. Anche il costo di un caffè!

SOSTIENICI
Back To Top