Giornale on-line fondato nel 2004

Domenica, 14 Apr 2024

I drammatici avvenimenti in corso in Russia non devono far gioire e, tanto meno, tranquillizzare. Il colpo di Stato di Prigozhin, così lo definisce Lucio Caracciolo, è la prima conseguenza agli equilibri politici autocratici interni al Cremlino. Sono un effetto della guerra di aggressione avviata da Putin contro l'Ucraina che non è stata un successo, anche se la partita, probabilmente, non è solo fra Putin e il "ribelle e traditore" Prigozhin.

Bisogna vedere che succederà e che faranno il capo di stato maggiore Gerasimov e il generale ministro degli Esteri Shoigu, obiettivi privilegiati degli attacchi politici insistenti fino al limite dell'insulto personale del capo della Wagner negli ultimi mesi. Arrivati a ribaltare anche la vulgata di Putin sull' "operazione militare speciale" per denazificare l'Ucraina.

Per la prima volta, è concretamente apparsa una realtà da sempre sottesa alla guerra e alla prospettiva della strategia della "vittoria sul campo": all'autocrate Putin potrebbe subentrare qualcuno peggio di lui alla testa di un paese che è tuttora una potenza nucleare che possiede 6000 testate atomiche.

Solo degli insani di mente, che ovviamente non mancano, possono godere di quel che sta succedendo in Russia. Infatti, le reazioni delle leadership, non solo occidentali più avvedute, sono all'insegna della preoccupazione e della prudenza. In questo senso il silenzio cinese sembra significativo.

Il colpo di Prigozhin ha messo subito in secondo piano l'andamento a rilento della controffensiva ucraina. E ha fatto concretamente emergere come inquietante un'incontrollata destabilizzazione della Russia.

Tutto ciò dovrebbe indurre ancor più tutti, dai protagonisti sul campo ai loro alleati e agli Stati e alle forze interessate a vario titolo alla pace, a intensificare gli sforzi per cessare la guerra e avviare una trattativa per la pace e la sicurezza di tutti.

Il colpo di Prigozhin ha fatto emergere anche un altro aspetto sempre sottaciuto dagli atlantisti forever e dalle vestali della democrazia e della libertà: all'affermarsi in Ucraina di una "pace giusta" è legata anche un'evoluzione positiva e democratica del regime autocratico russo.

Aldo Pirone
scrittore e editorialista
facebook.com/aldo.pirone.7

empty alt

Festa della Resistenza a Roma, dal 23 al 25 aprile

Dal 23 al 25 aprile, a Roma sarà ancora Festa della Resistenza. Per il secondo anno consecutivo, nella...
empty alt

Mercato immobiliare sotto stress a causa del caro mutui

Nulla di strano che uno dei capitoli dell’ultimo Outlook dedicato all’economia internazionale il Fondo...
empty alt

“Basta favori ai mercanti d’armi!”, una petizione popolare da sottoscrivere

Il 21 febbraio scorso, il Senato della Repubblica ha approvato un disegno di legge per cancellare...
empty alt

Isabella Lugosky-Karle e il Nobel negato

Il 3 ottobre del 2017, all’età di 95 anni è deceduta Isabella Lugosky-Karle, ricercatrice che...
empty alt

Nuovo censimento delle piante in Italia, in più 46 specie autoctone e 185 aliene

Secondo il nuovo censimento delle piante in Italia, che ha aggiornato i dati del 2018, sono 46 in...
empty alt

Le contraddizioni della storia e della politica

Gli anni '60 noi li ricordiamo giustamente come anni di grandi cambiamenti e di libertà; per tante...

Ti piace l'informazione del Foglietto?

Se ti piace quello che leggi, puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro sostenendoci con quanto pensi valga l'informazione che hai ricevuto. Anche il costo di un caffè!

SOSTIENICI
Back To Top