Giornale on-line fondato nel 2004

Mercoledì, 21 Feb 2024

Close posterClose, regia di Lukas Dhont, con Eden Dambrine - Léo, Gustav De Waele - Rémi, Émilie Dequenne - Sophie, Léa Drucker - Nathalie, Kevin Janssens - Peter, Marc Weiss - Yves, Igor van Dessel - Charlie; Produzione: Michiel Dhont, Frans van Gestel, Jacque-Henri Bronckart, Dirk Impens, Laurette Schillings; Sceneggiatura: Angelo Tijssens, Lukas Dhont; Fotografia: Frank van den Eeden; Montaggio: Alain Dessauvage; Musiche: Valentin Hadjadj; Trucco: Michelle Beeckman; Genere: Drammatico; Belgio, Paesi Bassi, Francia, 2022; Durata: 105’; Distribuito da: Lucky Red; nelle sale da gennaio 2023; Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13.

Recensione di Anna Sofia Caira

Close è diretto da Lukas Dhont, regista e sceneggiatore già conosciuto per Girl, film selezionato per rappresentare il Belgio ai premi Oscar del 2019.

In Girl, il regista belga aveva affrontato il tema dell’identità sessuale e con Close scava ancora più in profondità, esplorando quella di Léo e Rémi quando è ancora acerba e indefinita. In questo caso, però, non si tratta semplicemente della loro sessualità, ma del modo in cui la loro intimità viene considerata agli occhi degli altri e di come noi stessi siamo condizionati a guardarla.

Dhont ci ricorda del modo in cui noi, a partire dalla nostra infanzia, siamo abituati a compartimentare tutti in scatole ed etichette, cercando a ogni costo di sigillare l’amore, anche quello fraterno, senza lasciare che questo esista nella sua vera forma libera.

Léo e Rémi sono due amici per la pelle, sono legati da un legame profondo e da un’intimità che non hanno mai messo in discussione, fino a quando a scuola il giovane Léo inizia a sentirsi giudicato dai suoi compagni di classe.

Il film ci ricorda come i condizionamenti sociali siano difficili da sormontare, come questi possano compromettere anche un’intensa e preziosa amicizia, con conseguenze drammatiche per una mente “che non si ferma mai” come quella del sensibile Rémi.

L’atmosfera idilliaca e colorata della prima parte del film corrisponde forse all’infanzia, alla sua spensieratezza. Un’età in cui non si fanno domande e in cui non si cerca ancora nessuna risposta, in cui basta un soffio di vento per calmare un piccolo animo tormentato. È nella seconda parte che si passa all’adolescenza, l’età delle paure, la fase in cui si è spesso vittime della cattiveria dei propri coetanei e a volte anche artefice. Il lavoro sui colori da parte del regista è estremamente simbolico, si alternano le stagioni e si arriva all’inverno, con le sue giornate buie e corte, la pioggia battente.

Lèo è costretto a maturare troppo in fretta, e il modo in cui Eden Dambrine interpreta il personaggio rende perfettamente il dramma che lo stesso Léo è costretto a vivere da così giovane. Anche l’interpretazione di Gustav De Waele, nel ruolo di Rémi, è stata elogiata dalla critica internazionale; entrambi i giovani attori riescono a reggere perfettamente tutti i primi piani che gli vengono dedicati e sembrano guardare dritto dentro di noi, in modo estremamente tenero e appassionato.

Close è la storia di un’amicizia, di un legame innocente e puro che non ha bisogno di nessun nome, ma che viene compromesso proprio a causa di chi un nome deve a tutti i costi trovarlo.

Anna Sofia CairaAnna Sofia Caira
Critica cinematografica
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

empty alt

Anche nell’Eurozona il denaro contante perde fascino

Anche nell’Eurozona il contante perde fascino. Se ancora sfiora il 60 per cento la quantità di...
empty alt

Medici Isde e Plastic Free in difesa di salute e ambiente per l’eccesso di plastica

L’eccesso di plastica e soprattutto i suoi frammenti non rappresentano oggi solamente un problema...
empty alt

Contratto comparto Sanità, dalla Corte dei conti disco verde con raccomandazioni

Le Sezioni riunite della Corte dei conti, in sede di controllo, nell’adunanza del 15 febbraio...
empty alt

Recenti elezioni nel mondo: tira una brutta aria in Europa e anche in Asia

Settimana di elezioni quella passata. Si è votato nel ballottaggio per il Presidente della...
empty alt

Rosalind Picard, pioniera dell’IA per decifrare lo stato fisico ed emotivo delle persone

“Ho scritto il libro Affective Computing nel 1997, per far capire che era importante per il futuro...
empty alt

Va risarcito per “straining” chi è costretto a lavorare sotto stress

Come noto, il termine straining (dal verbo inglese “to strain”, mettere sotto pressione,...

Ti piace l'informazione del Foglietto?

Se ti piace quello che leggi, puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro sostenendoci con quanto pensi valga l'informazione che hai ricevuto. Anche il costo di un caffè!

SOSTIENICI
Back To Top