Giornale on-line fondato nel 2004

Domenica, 14 Apr 2024

di Rocco Tritto

Il decreto legislativo di riordino degli enti pubblici di ricerca vigilati dal Miur, entrato in vigore il 15 febbraio scorso, viene da lontano e ha avuto come primogenitore l’indimemticabile ministro Mussi, che aveva promesso di abbattere e rifondare la ricerca pubblica del Belpaese.

Sappiamo tutti come è andata a finire per la compagine governativa, al cui interno  Mussi aveva assunto il ruolo di grande riformatore.

Il progetto,  in lunga e dolorosa gestazione al momento della rapida quanto ingloriosa caduta del governo Prodi, non venne cestinato dal successore di  Mussi, ma ripreso, rivisto, corretto, approvato e presentato dalla Gelmini come esempio di innovazione e modernizzazione della ricerca italiana.

Nulla di più fallace. Chi crede di poter “promuovere, sostenere, rilanciare e razionalizzare le attività nel settore della ricerca, di garantire autonomia, trasparenza ed efficienza nella gestione” con il citato decreto, sa di non dre il vero. In realtà, il provvedimento si limita a ridurre qualche posto di consigliere di amministrazione, ma non un euro in più destina all’attività scientifica degli enti.

Nessuna garanzia sul corretto e trasparente svolgimento  dei concorsi; non una parola sulla grave piaga del precariato, che continua a dilagare. Eppure, quando vogliono, gli inquilini di Palazzo Chigi un occhio, anzi due, di riguardo verso la ricerca ce l’hanno. Soprattutto se l’ente si chiama Icranet, che sembra essere lo zio d’America della povera e bistrattata ricerca italiana.

empty alt

Festa della Resistenza a Roma, dal 23 al 25 aprile

Dal 23 al 25 aprile, a Roma sarà ancora Festa della Resistenza. Per il secondo anno consecutivo, nella...
empty alt

Mercato immobiliare sotto stress a causa del caro mutui

Nulla di strano che uno dei capitoli dell’ultimo Outlook dedicato all’economia internazionale il Fondo...
empty alt

“Basta favori ai mercanti d’armi!”, una petizione popolare da sottoscrivere

Il 21 febbraio scorso, il Senato della Repubblica ha approvato un disegno di legge per cancellare...
empty alt

Isabella Lugosky-Karle e il Nobel negato

Il 3 ottobre del 2017, all’età di 95 anni è deceduta Isabella Lugosky-Karle, ricercatrice che...
empty alt

Nuovo censimento delle piante in Italia, in più 46 specie autoctone e 185 aliene

Secondo il nuovo censimento delle piante in Italia, che ha aggiornato i dati del 2018, sono 46 in...
empty alt

Le contraddizioni della storia e della politica

Gli anni '60 noi li ricordiamo giustamente come anni di grandi cambiamenti e di libertà; per tante...

Ti piace l'informazione del Foglietto?

Se ti piace quello che leggi, puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro sostenendoci con quanto pensi valga l'informazione che hai ricevuto. Anche il costo di un caffè!

SOSTIENICI
Back To Top