Giornale on-line fondato nel 2004

Mercoledì, 17 Lug 2024

La giornalista Valentina D'Elia, in un’intervista per “A51 Crescita Personale Magazine”, mi ha fatto riflettere sul futuro delle nuove generazioni a partire da una domanda: “Se il libro ‘Scienziate nel tempo. Più di 100 biografie’ venisse scritto in un ipotetico futuro, quale sarebbe una storia auspicabile per una scienziata nata nel 2020?”

Le ho risposto che sarebbe auspicabile, innanzitutto, che fossero spazzati via tutti i pregiudizi contro le donne, da Aristotele in poi, perché il sistema patriarcale si avvale del maschilismo e della misoginia. E si avvale di questi strumenti repressivi soprattutto contro quelle donne che si ribellano al sistema, per mantenere il dominio maschile.

In questo modo la società in cui viviamo cambierebbe drasticamente perché sarebbero distribuite equamente le opportunità. Le bambine potrebbero guardare se stesse e la propria vita senza limitazioni di sogni e desideri e i bambini non si considererebbero i depositari di privilegi sociali e culturali ma una metà dell’umanità: con gli stessi diritti e gli stessi entusiasmi dell’altra.

Sarebbe anche auspicabile un cambiamento nel linguaggio, in modo che diventi naturale parlare di “architetta, ingegnera, direttora d’orchestra, sindaca, ministra” e così via. Ora c’è ancora molto fervore nel rifiuto di queste parole perché indicano un cambio di paradigma, riconoscono un'evoluzione sociale in atto da tempo.

Sara Sesti, Liliana Moro “Scienziate nel tempo. Più di 100 biografie", Ledizioni, Milano 2020.

Sara Sesti
Matematica, ricercatrice in storia della scienza
Collabora con l'Università delle donne di Milano
facebook.com/scienziateneltempo/

empty alt

Presidenza Cdc: “Legge Nordio lede i principi dello Stato di diritto”

Continuano le prese di posizione contro il disegno di legge proposto dal Guardasigilli, Carlo...
empty alt

Gonnella (Antigone): “Il ddl sicurezza stravolge il sistema penitenziario”

“Nei prossimi giorni potrebbe arrivare in aula, alla Camera dei Deputati, il ddl sicurezza, una...
empty alt

Stagione Lirica di Padova al via con la Nona Sinfonia di Beethoven

«Abbracciatevi, moltitudini! Questo bacio vada al mondo intero!». Un messaggio universale di...
empty alt

“Madame Luna”, film svedese che mostra ciò che la civile Italia finge di non conoscere

Madame Luna, regia di Daniel Espinosa, con con Meninet Abraha (Madame Luna), Hilyam...
empty alt

Creatività scientifica femminile. “I geni che saltano” di Barbara McClintock

Fino alla fine degli anni Quaranta, si pensava che il genoma, il patrimonio genetico di un...
empty alt

Atella, suggestivo borgo lucano alle falde del Monte Vulture

Mia sorella, dico a Domenico Saraceno mentre visitiamo Atella, paese lucano di 3500 abitanti ad...

Ti piace l'informazione del Foglietto?

Se ti piace quello che leggi, puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro sostenendoci con quanto pensi valga l'informazione che hai ricevuto. Anche il costo di un caffè!

SOSTIENICI
Back To Top