Giornale on-line fondato nel 2004

Domenica, 14 Apr 2024

Sabato scorso in "in onda" su La7 è stato mandato un sondaggio, a cura di Lorenzo Pregliasco dell'Istituto You trend, da cui risultava che in cima al pensiero degli italiani vi erano due cose: l'aumento esponenziale e vertiginoso delle bollette di gas e luce (64,9%) e la falcidia di salari e pensioni da parte dell'inflazione galoppante (54,9%).

L'intervista al compagno Roberto Bertuzzi - fece parte della scorta di Berlinguer - che ne è seguita ha dato ben conto della drammaticità della questione. Bertuzzi percepisce poco più di mille euro di pensione mensili, docce fredde, un lavatrice fredda a settimana, la spesa alimentare raddoppiata. Una persona ridotta in queste condizioni di sopravvivenza che ebbe e svolse un compito importante rappresenta da sola - ma ce ne sono tante milioni di altre - una vergogna indicibile per gli improbabili eredi post comunisti del Pci.

La risposta del governatore dell'Emilia Romagna, nonché esponente nazionale dem Bonaccini, è stata stonata e propagandistica non perché ha illustrato quello che stanno facendo di positivo in Emilia sulle energie rinnovabili - l'Emilia non è l'Italia, Bonaccini lo dimentica spesso - ma perché è parsa un modo furbastro di eludere il problema che è generale e che chiede una risposta concreta generale, qui ed ora.

L'intervista a Bertuzzi chiedeva una risposta a un problema concretissimo che sta affannando gli italiani, soprattutto quelli che vivono di salari e pensioni bassi. Basterebbe andare a fare la spesa per rendersi conto di che cosa dice la gente e qual è lo spirito pubblico che aleggia intorno alle bollette di gas e luce e intorno all'inflazione che manda i prezzi alle stelle falcidiando salari, stipendi e pensioni.

Bollette di gas e luce e salari dovrebbero essere l'anello da afferrare per far muovere tutta la catena dei programmi fondati sulla lotta alle disuguaglianze, sull'ambiente e i cambiamenti climatici che sono la terza preoccupazione degli italiani (45,2%). Su questo la destra mostra qualche difficoltà.

Le proposte devono essere secche: prezzo amministrato per il gas, la differenza a carico dello stato in attesa, e preparando, tempi migliori (completamento della diversificazione delle forniture rispetto a quella russa e tetto europeo al prezzo del gas, cessazione della guerra in Ucraina). Per finanziare l'intervento immediato, tassazione al 100% degli extra profitti speculativi fatti in questi mesi dalle Aziende che operano nel settore come richiesto dalla Cgil di Landini. Gettito 40 miliardi.

L'impegno delle sparse forze di sinistra e progressiste deve essere riportare le bollette a prima della galoppata che le ha fatte triplicare per famiglie e imprese. Magari mettendo un limite al recupero solo per i redditi più alti e milionari.

Poi c'è la questione dei salari. Assunzione delle proposte dei sindacati: recupero del 100% dell'inflazione reale nel quadro più ampio degli interventi sul problema lavoro (contratti pirata e legge sulla rappresentanza sindacale, precariato, salario minimo, cuneo fiscale).

Sarebbe opportuno che le forze del fu campo progressista, oggi diviso e frantumato, convergessero almeno su queste proposte.

Aldo Pirone
scrittore e editorialista
facebook.com/aldo.pirone.7

empty alt

Festa della Resistenza a Roma, dal 23 al 25 aprile

Dal 23 al 25 aprile, a Roma sarà ancora Festa della Resistenza. Per il secondo anno consecutivo, nella...
empty alt

Mercato immobiliare sotto stress a causa del caro mutui

Nulla di strano che uno dei capitoli dell’ultimo Outlook dedicato all’economia internazionale il Fondo...
empty alt

“Basta favori ai mercanti d’armi!”, una petizione popolare da sottoscrivere

Il 21 febbraio scorso, il Senato della Repubblica ha approvato un disegno di legge per cancellare...
empty alt

Isabella Lugosky-Karle e il Nobel negato

Il 3 ottobre del 2017, all’età di 95 anni è deceduta Isabella Lugosky-Karle, ricercatrice che...
empty alt

Nuovo censimento delle piante in Italia, in più 46 specie autoctone e 185 aliene

Secondo il nuovo censimento delle piante in Italia, che ha aggiornato i dati del 2018, sono 46 in...
empty alt

Le contraddizioni della storia e della politica

Gli anni '60 noi li ricordiamo giustamente come anni di grandi cambiamenti e di libertà; per tante...

Ti piace l'informazione del Foglietto?

Se ti piace quello che leggi, puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro sostenendoci con quanto pensi valga l'informazione che hai ricevuto. Anche il costo di un caffè!

SOSTIENICI
Back To Top