Giornale on-line fondato nel 2004

Sabato, 13 Lug 2024

di Adriana Spera

La frase più ricorrente in questi ultimi giorni è: speriamo che l'Italia cambi.

Un'aspettativa di cambiamento che sembra pervadere ed entusiasmare la maggioranza degli italiani stufi di proclamate false sicurezze, che non prevedono diritti elementari quali casa e lavoro. Auguriamoci che così possa essere per il resto dell'Italia, dopo quanto accaduto per le capitali del nord e del sud.

Purtroppo noi malcapitati cittadini romani dovremo continuare a subire gli stessi riti barbarici: da un lato ci aspetta l'invasione dell'immondizia nelle strade, visto che la discarica di Malagrotta è ormai da tempo esaurita e non si trova un accordo per un sito alternativo; men che meno, si provvede a raggiungere la quota di legge di differenziata, parola sconosciuta alla maggioranza dei politici italiani.

D'altro canto, continueremo ad assistere a sgomberi di campi rom, pagando milioni di euro per spostare un "problema" risolvibilissimo.Ma per gli esattori del voto becero, le politiche sociali non sono previste.

In compenso nei giorni scorsi abbiamo assistito ad una variante sul tema del bestiario razzista e, diciamocelo pure, un po' nazista dell'Italia delle libertà: un gruppo di sessantaquattro venditori ambulanti, rigorosamente immigrati, è stato fermato e accompagnato per l'identificazione al comando della polizia municipale, previa apposizione agli identificandi di un braccialetto numerato.

Vien da chiedersi in base a quale norma ciò sia potuto accadere. Che sia stato emanato l'ennesimo decreto sicurezza a nostra (e del Parlamento) insaputa?

empty alt

Anci: a rischio a settembre ripresa attività dei servizi educativi per l'infanzia

Anci (Associazione nazionale comuni italiani) esprime preoccupazione per le continue segnalazioni...
empty alt

Prezzi internazionali raffreddati dalla deflazione cinese

Sempre perché la globalizzazione è assai più complessa di come la si immagina, vale la pena...
empty alt

“Gli indesiderabili”, film che emoziona e non si fa dimenticare in fretta

Gli indesiderabili, regia di Ladj Ly, con Anta Dia (Haby Keita), Alexis Maneti (Pierre),...
empty alt

Il peso specifico del settore auto nell’economia europea

L’ultimo bollettino della Bce contiene una interessante analisi che ci consente di farci un’idea...
empty alt

Roberto Tomei, insigne giurista, firma storica del Foglietto, non è più tra noi

Abbiamo appreso oggi con immenso dolore che l’insigne giurista Roberto Tomei, lo scorso 19 giugno, è...
empty alt

Consegue la laurea, Uniba gliela toglie, il Tar gliela restituisce

Con sentenza n. 817/2024, pubblicata il 4 luglio scorso, il Tar per la Puglia (Sezione seconda),...

Ti piace l'informazione del Foglietto?

Se ti piace quello che leggi, puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro sostenendoci con quanto pensi valga l'informazione che hai ricevuto. Anche il costo di un caffè!

SOSTIENICI
Back To Top